Le rocce ignee plutoniche

Le rocce ignee plutoniche si formano con il raffreddamento del magma a centinaia o a migliaia di metri sotto la superficie terrestre. A quelle profondità il raffreddamento avviene molto lentamente e dà luogo a rocce completamente cristalline senza la formazione di vetro.
Il magma si forma all’interno della terra a temperature altissime. nella zona in cui si origina, se il calore diminuisce, il magma sale verso zone meno profonde della crosta terrestre e si raffredda.
Tuttavia, la differenza di temperatura fra il magma e la roccia che lo circonda non è considerevole, quindi il raffreddamento avviene molto lentamente. Ciò favorisce la totale cristallizzazione e dunque la formazione di rocce plutoniche (o intrusive) con la caratteristica tessitura olocristallina, vale a dire con assenza di vetro. Inoltre, la lenta cristallizzazione del magma dà ai cristalli il tempo sufficiente perché possano svilupparsi e raggiungere dimensioni piuttosto grandi e uniformi, sempre visibili a occhio nudo, che acquisiscono la tessitura granulare detta faneritica.

La maggior parte delle rocce plutoniche ha un’importanza economica. Il granito, ad esempio, è largamente impiegato nell’industria delle costruzioni, soprattutto sotto forma di mattonelle lucidate che si usano per il rivestimento delle facciate esterne e anche delle pareti interne, ad esempio delle cucine e dei bagni, poiché sono rocce molto decorative oltre che resistenti, in alto. Anche le dioriti, le sieniti e il gabbro, soprattutto per il loro cromatismo, sono impiegate come rocce ornamentali.

Share this: